L’auto da corsa è uno dei simboli che rappresenta da sempre l’uomo elegante e di classe, dalle forme aerodinamiche, design ricercato e finemente lavorato, colori caratteristici e interni di lusso, che si fondono con il tipico gusto per lo stile; non solo quindi un semplice veicolo ma un vero e proprio elemento che completa la figura del gentleman. 

Questa particolare visione delle auto da corsa risale però ancora al XIX secolo, quando esistevano i cosiddetti Gentleman Driver, termine che rappresentava gli appassionati di automobilismo delle famiglie abbienti, desiderosi di guidare personalmente l’autovettura anche se per l’epoca risultava un’attività poco adatta a persone di quel calibro.  

Fino agli anni Sessanta infatti quasi tutta la popolazione si spostava con la Vespa o in moto, gli unici che si potevano permettere un’auto sportiva erano i titolari delle grandi industrie, per questo motivo inizialmente possedere una vettura simile indicava chiaramente la ricchezza di una persona e il suo elevato stato sociale. 

In tempi più recenti, con la nascita dei professionisti anche nel mondo dei motori, questa figura è andata quasi a sparire fondendosi al classico “pilota della domenica”, il tipico uomo d’affari che magari dopo una lunga settimana di lavoro decide di trascorrere l’intero weekend rilassandosi con la sua auto da corsa. 

Tutt’oggi però è rimasto comunque vivo il concetto di auto e lusso abbinato al gentleman, perché simbolo di classe ed eleganza unito al design ricercato e curato in ogni minimo dettaglio, per questo diversi brand di alto livello, come Porsche, Alfa Romeo, Lamborghini e Maserati, continuano a produrre magnifici modelli ogni anno. 

Come ho già fatto capire, il connubio ora si concentra soprattutto sul raffinato design, importante risulta l’accostamento di colori, le rifiniture pregiate oppure gli interni di estremo lusso, il gentleman moderno pensa più all’auto da corsa come un outfit che deve abbinarsi allo stile di vita, agli accessori o semplicemente al gusto personale. 

In un mercato così ampio, le migliori auto da corsa si possono racchiudere in tre gruppi: 

Modelli Extra lusso 

In questa grande categoria fanno parte le hypercar e le fuoriserie, sono macchine che pochi si possono permettere, a causa del loro costo molto elevato, realizzate con i migliori materiali e design sempre all’avanguardia, questi modelli vengono studiati secondo le specifiche esigenze del proprietario, quindi i tempi di attesa sono molto lunghi ma appagati dalle incredibili prestazioni. 

I modelli più celebri fanno parte di rinomate case automobilistiche, come Ferrari, Bugatti e Lamborghini, nello specifico possiamo parlare dell’Aston Martin DB10, della Bugatti Chyron oppure della Lamborghini Aventador, mentre altri sono di recente introduzione, come la Dallara Stradale o la McLaren Speedtail, inoltre negli ultimi tempi sono molto in voga anche le auto “hyper-elettriche” con oltre 1000 cavalli. 

Modelli su misura  

Questi modelli prendono forma dalle classiche auto di massa, si tratta di programmi per la personalizzazione del veicolo, come Individual di BMW oppure Exclusive di Audi, che creano delle vere realizzazioni “sartoriali” introducendo oltre ad un design di lusso, anche accessori come frigobar o piccoli mobili a seconda delle specifiche richieste. 

Modelli restomod 

Questo più che un tipo di modello riguarda un fenomeno in continuo aumento nel mondo dei motori, ovvero auto d’epoca che vengono aggiornate in termini di performance e di comfort per fornire un’esperienza di guida moderna in uno stile retrò, nel campo sono molti i professionisti che praticano questa attività, come Singer Vehicle Design che si dedica alle Porsche 911 oppure Thornley Kelham per le Lancia. 

Eccoti svelato da dove nasce e come si lega il concetto di gentleman alle auto da corsa e quali sono i principali modelli, tu quale preferisci tra le tre proposte? Continua a seguirci sul blog e iscriviti ai canali Instagram, Facebook, Linkedin e Pinterest.