Uno degli elementi indispensabili per svolgere in autonomia le tue attività quotidiane è l’auto, questo veicolo dalla sua nascita apportò grandi cambiamenti in campo economico e soprattutto diede origine ad uno stile di vita più semplice ma intenso, inizialmente riservato solo alle classi più abbienti mentre in seguito diffuso anche tra la popolazione comune. 

L’evoluzione del mercato ha portato questo mezzo di trasporto ad aggiornarsi continuamente ed ampliare le proprie tecnologie, in termini di design sono stati introdotti diversi cambiamenti, come i colori metallizzati, cerchi in lega oppure gli interni accessoriati, ma il passo più importante è stata la creazione di diversi sistemi per il controllo della guida. 

Infatti, proprio negli ultimi anni si fa sempre più sentire l’arrivo delle auto a guida autonoma, che consistono in veicoli dotati di diversi dispositivi per il rivelamento dell’ambiente circostante ed altri per l’ausilio alla guida, in modo da affidare il totale controllo ad un calcolatore, che sarà in grado di gestire motore, cambio, sterzo e freni in piena sicurezza. 

In base al grado di autonomia del veicolo è stata creata dalla Society of automotive engineers (Sae) e dall’Istituto federale di ricerca per i trasporti, una scala divisa in sei differenti livelli, partendo dallo zero, cioè nessuna automazione, fino ad arrivare al cinque che rappresenta il massimo ovvero un’autovettura completamente autonoma. 

Livello 0 

In questa categoria fanno parte quei modelli in cui il controllo del veicolo è affidato completamente al guidatore, in aggiunta vengono inseriti solamente altri semplici dispositivi, come quello riguardante il superamento della linea di carreggiata (line assist) oppure il segnalatore per la presenza di un ostacolo all’interno dell’angolo morto. 

Livello 1  

Nel primo livello si ha l’introduzione di sistemi di assistenza alla guida che agiscono su sterzo, acceleratore e freni, come il Cruise Control o il modello più evoluto Cruise Control Adattivo, con cui puoi distogliere l’attenzione dall’acceleratore e far riposare la gamba, infatti tramite questa tecnologia l’auto accelera in automatico raggiungendo una velocità preimpostata e la mantiene nel tempo fino ad un tuo nuovo ordine. 

Livello 2  

Raggiunto il livello 2 si può parlare di guida “semi-autonoma”, infatti i modelli hanno integrati diversi sistemi di sicurezza, come la frenata di emergenza o il mantenimento della corsia, che sono in grado di posizionare l’auto al centro della carreggiata e controllare la distanza di sicurezza tra i veicoli, questo non vuol dire che potrai distrarti liberamente perché il mezzo non è comunque abilitato ad effettuare vere manovre. 

Livello 3  

A questo punto la guida raggiunge un grado di automazione notevole, il veicolo può gestire liberamente i pedali e procedere sulla strada leggendo anche i cartelli, tramite telecamere o cartografia GPS, infatti risulta un’evoluzione del livello 2 perché monitora le distanze di sicurezza, mantiene l’auto sulla carreggiata e in aggiunta effettua curve, cambi di direzione e addirittura può sorpassare un altro mezzo semplicemente azionando l’indicatore di direzione. 

Livello 4  

Abbiamo quasi raggiunto il livello massimo della scala, in questo punto l’auto è in grado di sostenere una guida praticamente autonoma anche in situazioni più complesse, oltre ai diversi dispositivi, come frenata di emergenza, Cruise Control, telecamere o cartografia GPS, la particolarità sta nel fatto che i diversi veicoli possono comunicare tra loro per meglio reagire e con maggiore tempestività a possibili imprevisti o situazioni pericolose. 

Livello 5  

In cima alla scala troviamo il livello massimo, in questo caso la figura del guidatore è completamente assente diventando un semplice passeggero e sarà l’auto a scegliere le soluzioni migliori per la tua sicurezza, talmente automatico che risulterà inutile avere volante e pedali, tutto grazie ad un sistema altamente tecnologico di connessione tra i mezzi e le infrastrutture che li circondano. 

Secondo le leggi attualmente in vigore sul territorio italiano, in materia di normativa stradale, però non è possibile che un veicolo si sposti in totale autonomia sulla strada, infatti gli unici modelli disponibili a breve faranno parte del livello 4, con annessi quindi il classico volante e i pedali di acceleratore e freno. 

In altri paesi come gli Stati Uniti al contrario hanno permesso l’utilizzo di auto totalmente autonome, ma soltanto in presenza di un guidatore che possa intervenire in caso di emergenza, mentre la Germania è la prima nazione in Europa ad introdurre delle normative su questi tipi di mezzi, stabilendo che all’interno deve essere presente una scatola nera per registrare le “criticità del veicolo”. 

La guida autonoma ha ormai preso piede nel nostro mondo, ma questa libertà può portare sia ad effetti negativi che positivi, tu cosa ne pensi? Sei favorevole o contrario all’evoluzione moderna dell’auto? Continua a seguirci sul nostro blog ed iscriviti ai canali social, ci trovi su Instagram, Facebook, Linkedin e Pinterest