Un ordinato pizzetto o una barba da vero Vichingo? Che tu la porti corta, lunga, ispida o a punta, scopri come trovare, in poche e semplici mosse, il Barbiere più adatto alle tue esigenze. 

“Vado a farmi la barba!” Quante volte hai ripetuto queste parole nel corso della tua vita? Immagino tantissime, come la quasi totalità degli uomini di questo pianeta. 

Eppure, molto spesso, non prestiamo alla Barba la giusta attenzione. È una parte integrante del nostro aspetto, definisce i contorni del viso, può modificarne addirittura la morfologia. 

Ma eccoti li, quasi ogni mattina col rasoio in mano, a compiere quel gesto quotidiano (ho fatto anche la rima, so’ proprio un poeta). 

Spesso ci dimentichiamo di lavarla accuratamente (si, la barba va lavata perché è un covo di batteri che le nostre madri ci butterebbero la candeggina), la lasciamo ispida e senza forma, oppure la rasiamo nel modo sbagliato, senza tener conto del verso del pelo. 

Beh, parliamoci chiaro, ad ognuno il suo mestiere. 

E se il Barbiere si chiama così, un motivo ci sarà. Lui si occupa (o dovrebbe occuparsi) principalmente di… Barba. 

Ma spesso così non è. Un po’ perché con la diffusione di tutte le tipologie possibili ed immaginabili di rasoi, regola barba, forbici specifiche e così via, molti uomini hanno perso questa sana abitudine di farsi radere dal Barbiere e si sono adoperati col fai da te. 

Non puoi nemmeno immaginare i danni che hai potuto creare nel tempo sul tuo viso. O forse sì? La vedi quella chiazza in cui la barba non cresce più o quella riga dei baffi tutta storta che fa assumere al tuo sorriso le sembianze di un ghigno malefico? 

Per non parlare della pelle desquamata sotto la barba trascurata, che ha trasformato la tua guancia in una splendida grattugia da parmigiano stagionato, una vera goduria per chi ti sta accanto insomma. 

Ok ok, ci vado piano. Ma il succo è quello. 

Assodato che la tua Barba ha assoluta necessità di una cura ricostituente, vediamo insieme come scegliere il Barbiere adatto a cui affidare il delicato compito in questione. 

Dunque, sarò breve e conciso: 

Igiene 

Eh sì, la prima cosa è l’igiene. Assicurati che il tuo barbiere di fiducia sterilizzi accuratamente gli attrezzi e sanifichi postazione e poltrone ad ogni passaggio. Ora più che mai questo aspetto è fondamentale per non trasformare un’esperienza che dovrebbe essere rilassante, in un vero incubo! 

Tecnica 

Barbieri non ci si improvvisa, perciò non lasciare mai che il taglio, la regolazione, la sfumatura e tutti i passaggi necessari per una barba perfetta siano lasciati al caso; ci sono vari aspetti che influenzano il risultato, tra cui quantità di peluria, forma del viso, densità e durezza del pelo e così via. Perciò, lascia perdere quelli che dal loro salone fanno uscire uomini fotocopia, ossia tutti uguali tra loro… O peggio, che ti sfregiano peggio di come ti sei sfregiato già abbondantemente da solo. Seleziona il Barbiere ideale tramite foto sui suoi profili social, scegli quello che più si avvicina al tuo stile e al risultato finale che vuoi ottenere. 

Precisione 

la barba ideale ha una forma precisa e definita. Anche i tagli o le acconciature più eccentriche hanno bisogno di cura e precisione. Immagina due basette diverse tra loro o una barba lunga mozzata tipo machete. Sarebbe grottesco, non ti pare? 

Ok, so cosa stai pensando. “Ma dove lo trovo un Barbiere così?” 

Hai ragione, non è semplice, né scontato. Non basta che fuori dal salone ci sia un’insegna con su scritto “barbiere” o come fa figo ora “barber shop” perché tu possa trovarci dentro professionisti seri e preparati. 

D’altronde, l’incompetenza si cela ovunque, in tantissimi aspetti o situazioni della nostra vita… ed è una piaga difficile da debellare, soprattutto perché chi lo è, quasi mai si accorge di esserlo. 

Come fare allora a trovare il barbiere perfetto? 

Step 1 

Inizia a cercare con uno sguardo più ampio rispetto alla via o al quartiere in cui vivi: potrebbe valere la pena farsi qualche km in più per provare un’esperienza in un salone specializzato. 

Step 2 

Una volta selezionati i saloni, sfoglia le loro pagine, i loro profili, i loro blog… ti colpiscono? Catturano la tua attenzione? Propongono servizi in linea con le tue esigenze? 

Step 3 

Prendi appuntamento e presentati con una richiesta ben specifica, magari portando una foto di ciò che vorresti ottenere. Dire “fai tu” va bene solo quando hai instaurato un rapporto di fiducia. 

Forse non saranno le sacre scritture, ma è così che ho trovato il mio Barbiere, quello che non cambierò mai, cascasse il mondo. 

Ho visto i loro lavori e li ho trovati assolutamente in linea con le mie richieste e la mia immagine, sono stato accolto amichevolmente e ho sperimentato un momento di relax solo per me… si, insomma, me lo merito! 

Sei curioso di sapere chi è? 

Lascia allora che ti parli di Barberia Italiana, una catena di saloni per uomini (proprio così, una catena, non il negozietto sotto casa con gli scacciamosche davanti alla porta d’ingresso… con tutto il rispetto, ma anche no). 

Mi ero da poco trasferito a Milano e cercavo un Barbiere a cui rivolgermi. Essendo il classico novellino dell’azienda, volevo evitare di sfoggiare un look disordinato o poco curato, sai no, per fare buona impressione al capo e perché no, passare qualche venerdì sera fuori. Insomma, ho dato un’occhiata in giro e cerca che ti cerca, mi son saltati agli occhi loro. Già le foto parlavano da sole, ma dopo qualche tentennamento e visto lo stato pietoso ed incolto della mia faccia, ho deciso di far loro visita. 

Barba e Capelli, servizio completo, ma si non badiamo a spese. È vista la location e apprezzata la professionalità innegabile dello staff, ero già pronto alla batosta meneghina. 

E invece, toh, ho pagato poco più della stessa cifra che ero abituato a spendere nella mia città d’origine, per un servizio infinitamente superiore. 

Da allora li consiglio a tutti e nessuno mi ha mai riportato una recensione (ora vanno di moda) negativa, anzi. È diventato un punto di riferimento anche per altri amici e colleghi. 

Lo so, purtroppo Barberia Italiana non è (ancora!) presente in tutte le città d’Italia ma ehi, mai disperare. Nel frattempo, se sei di Milano, Brescia, Bergamo o Cremona, ti raccomando caldamente di farci un salto. Non tornerai più indietro. 

E se un giorno dovessi trovarti in vacanza a Dubai o Hong Kong, ricordati di farci un salto